Evidenze scientifiche

Le ricerche scientifiche dimostrano che le esperienze nei primi anni di vita sono fondamentali per un ottimale sviluppo complessivo delle bambine e dei bambini. La musica è una buona pratica che, se attuata precocemente e con continuità, sostiene la crescita dei bambini. 

Dal punto di vista cognitivo, la musica aiuta il bambino a sviluppare proprie capacità di ascolto e osservazione, ad accrescere la propria immaginazione e creatività, ad aumentare le capacità di concentrazione e attenzione e ad esercitare la memoria.

A livello relazionale ascoltare e fare musica in famiglia, giocando con la voce, con gli oggetti quotidiani che producono suoni, cantare filastrocche e inventarne di nuove rafforza il legame affettivo tra adulto e bambino ed è fonte di benessere.

Perchè fare musica, insieme

Il ruolo dei genitori è cruciale nel percorso di avvicinamento e scoperta della musica e dei suoni.

Un ambiente familiare musicalmente stimolante, dove i genitori propongono ai bambini di giocare con la voce e con i suoni, rafforza il legame affettivo all’interno della famiglia ed è terreno favorevole nel quale si possono sviluppare le esperienze musicali successive.

Qualche consiglio....

  • In gravidanza
    Cantare e ascoltare musica. Una volta venuto al mondo, il bimbo è in grado di riconoscere le melodie ascoltate traendo effetti rassicuranti dall’interazione con la mamma che canta.
  • Ambiente sonoro
    Limitare la presenza dei rumori nelle case per creare condizioni che rendano più piacevole l’ascolto e la produzione di suono.
  • L’esplorazione sonora dei bambini
    Offrire oggetti e piccoli strumenti che producono suoni.
    Prestare attenzione ai bambini ascoltando e valorizzando le loro scoperte sonore.
  • Giocare cantando
    Ripetere e variare melodia e ritmo dei canti.
    Man mano che i bambini crescono ampliare il repertorio di canzoni abbinandole anche a gesti e giochi di movimento
  • L’ascolto condiviso
    Ascoltare canzoncine, ninne nanne, filastrocche e brani musicali insieme ai bambini, sollecitandoli a partecipare cantando, battendo le mani, accompagnando con strumenti.
    Assecondare la naturale attitudine dei bambini a reagire alla musica con il movimento del corpo.